Programma 2019

Macchiaioli

Sabato 19 gennaio 2019
TORINO – I Macchiaioli , La Cappella del Guarini e la Cappella dei Banchieri e dei mercanti

Gli antefatti, la nascita e la stagione iniziale e più felice della pittura macchiaiola saranno i protagonisti della mostra che per la prima volta alla GAM – Galleria Civica d’Arte Moderna e Contemporanea di Torino valorizzerà il dialogo artistico tra Toscana, Piemonte e Liguria nella ricerca sul vero.
La Cappella del Guarini, la “cappella della sindone”, gravemente danneggiata dall’incendio dell’11 Aprile 1997 è stata riaperta dopo 21 anni.
La Cappella dei Banchieri e dei Mercanti, un gioiello barocco nascosto in una delle vie più famose del centro di Torino e con al suo interno affreschi e dipinti di grande valore. In sacrestia il Calendario Perpetuo di Giovanni Amedeo Plana che permette il calcolo preciso su un arco di tempo di 4000
anni a partire dall’anno zero.

> Programma Torino

 

Picasso
Domenica 27 gennaio – 3 febbraio – 10 febbraio 2019
MILANO PALAZZO REALE
PICASSO Metamorfosi

La mostra a Palazzo Reale segna la stagione autunnale milanese: dedicata al rapporto multiforme e fecondo che il genio spagnolo ha sviluppato, per tutta la sua straordinaria carriera, con il mito e l’antichità, si propone di esplorare da questa particolare prospettiva il suo intenso e complesso processo creativo.

>> Programma Picasso

 
strasburgo

21-23 febbraio 2019
WEEK END IN ALSAZIA
STRASBURGO : VISITA AL PALAZZO del PARLAMENTO EUROPEO
COLMAR e MULHOUSE

Perché andare in Alsazia? Nel cuore dell’Europa più frizzante, dove Francia, Svizzera e Germania si incontrano, abbiamo un appuntamento: il 22 Febbraio alle 10.40 ci attendono al Parlamento Europeo di Strasburgo! Un’occasione unica per vivere e comprendere come opera l’Istituzione che dà voce ai cittadini dell’Unione e il suo impatto in Europa e nel mondo.
Nel nostro viaggio visiteremo non solo Strasburgo, ma anche la suggestiva Colmar con i suoi quartieri antichi e la vivace Mulhouse, capitale dell’Alsazia del Sud, ma anche capitale dei Musei Tecnici d’Europa. Nel tipico stile Amici G.O.R. Paderno vivremo Storia, Paesaggio, Gastronomia e Folklore!

candelo
Sabato 23 marzo 2019
10 ANNIVERSARIO AMICI G.O.R. PADERNO
BIELLA E IL RICETTO DI CANDELO

Biella è una città tutta da scoprire: la meta ideale per il nostro decimo anniversario, a cui applichiamo la tradizionale partenza pomeridiana e la cena sociale.
Biella Piano, dove ora si trova il Duomo, era la parte più antica, la Bugella romana. Intorno a questo nucleo si sviluppò la città; nei secoli fiorirono numerose chiese e conventi, pochi dei quali sopravvissero in seguito alle soppressioni degli ordini religiosi durante la dominazione napoleonica. Nel corso del XIX secolo la città si ingrandì: vennero edificate ville, palazzi e chiese. E con la rivoluzione industriale si moltiplicarono le fabbriche e gli opifici che diedero vita al mito della piccola, operosa Biella: la città della lana.
Il Ricetto di Candelo, uno dei Borghi più belli d’Italia e Bandiera Arancione del Touring Club Italiano è una struttura fortificata tardo-medievale (XIII-XIV sec.) realizzata dalla comunità contadina per proteggere i prodotti della terra, in primo luogo le granaglie e il vino. Le splendide condizioni
di conservazione del borgo lo rendono un “unicum” del suo genere, tra i meglio conservati d’Europa.

laboratori_Scala
Martedì 9 aprile 2019
MILANO
I LABORATORI DEL TEATRO ALLA SCALA – Spazio Ansaldo

I laboratori del Teatro alla Scala, prima dislocati nelle sedi di Bovisa, Pero, Abanella e nello stesso Piermarini, sono riuniti, dal 20 febbraio 2001, presso l’ex insediamento industriale delle acciaierie Ansaldo a Milano.
Un’imponente struttura di 20.000 metri quadrati, divisa in tre padiglioni intitolati al regista Luchino Visconti, allo scenografo Nicola Benois e al costumista Luigi Sapelli (nome d’arte Caramba), capace di ospitare la maggior parte delle lavorazioni artigianali degli allestimenti scenici: scultura, termoformatura, falegnameria, officina meccanica, assemblaggio scene, sartoria, elaborazione costumi,
lavanderia.
Uno spazio dove oltre ad essere custoditi più di 60.000 costumi di scena, sono presenti le sale prova per il coro e uno spazio scenico per le prove di regia perfettamente corrispondente al palcoscenico del Piermarini.

Cilento
25-28 Aprile 2018
Le meraviglie del CILENTO
SALERNO – CASTELLABATE – CERTOSA DI PADULA – PALINURO – VELIA – PAESTUM

Il Cilento è uno dei territori più belli della Campania e vale la pena di visitarlo sia per il paesaggio dell’interno, sia per la costa. Incluso interamente nella provincia di Salerno, vanta numerosi luoghi di grande interesse storico e paesaggistico.
Questi luoghi della nostra bellissima Italia ci accoglieranno e coinvolgeranno in una visita che, attivando tutti i nostri sensi, sarà memorabile.
Il Cilento è nascosto dietro l’angolo, non lontano dalla famosa Costiera Amalfitana, ed è uno dei segreti meglio custoditi in Italia. Ha catene montuose spettacolari, spiagge incontaminate, alcune delle migliori feste gastronomiche cittadine, ricca di storia e rovine secolari. Ogni anno migliaia di turisti italiani e stranieri decidono di trascorrere le loro vacanze nei villaggi,rimanendo affascinati dalle bellezze
naturali e selvagge che solo la Costa del Cilento può offrire.
E’ l’occasione per conoscerla!

Rocchetta_Mattei
Sabato 18 Maggio 2019
La ROCCHETTA MATTEI di RIOLA
Grizzana Morandi (Bologna)

La Rocchetta Mattei è una rocca situata sull’Appennino settentrionale, su di un’altura posta a 407 metri sul livello del mare, in località Savignano nel comune di Grizzana Morandi. Qui si sviluppò il sogno di un uomo, Cesare Mattei, che aveva deciso di curare il mondo elaborando la teoria dell’Elettromeopatia.
Visiteremo ambienti suggestivi, in stile eclettico, riaperti nel 2015 dopo anni di decadenza.
Sempre a Grizzana, la casa-studio del celebre pittore Giorgio Morandi.

Romedio
28-29 Giugno 2019
TRENTO
il Santuario di San Romedio e il lago di Tovel

Il Santuario di San Romedio- a piedi, lungo il sentiero panoramico con partenza Da Sanzeno
Il Lago di Tovel nel cuore del Parco Naturale Adamello-Brenta.
Trento, la Val di Non e le sue bellezze, mete mai toccate da Amici G.O.R. Paderno. Scegliamo, a questo scopo, il metodo della passeggiata slow, nessuna fretta, lo sguardo attento al paesaggio che cambia, i pensieri che si liberano dalle tensioni…

Casale-monferrato
Domenica 20 Ottobre 2019
CASALE MONFERRATO E LA SINAGOGA

Il Monferrato è zona di vini e santi, chiese romaniche e castelli, ottima tavola e borghi storici. Dai confini con le risaie della grande pianura le sue colline si stendono fino a giungere ai poggi di Langhe e Roero. Un continuo ed incantevole saliscendi, un susseguirsi di vigneti e zone boscose, prati e terreni coltivati, paesi arroccati e troneggianti castelli, residenze storiche e pievi.
Due sono le sue capitali. Una è Asti, straordinaria espressione culturale e storica che abbiamo già visitato. L’altra è Casale, più a nord, vivace centro culturale, porta del Monferrato verso la grande pianura e la Lombardia.
A Casale Monferrato potremo anche entrare nella Sinagoga, restaurata nel 1968, risalente al 1595.

lago_bolsena
1-4 Novembre 2019
LA TUSCIA
Viterbo – Caprarola (Palazzo Farnese) – Lago di Vico – Civita di Bagnorego – Tarquinia-Tuscania-Lago di Bolsena – Montefiascone

Tuscia, sinonimo di Etruria, identifica attualmente la provincia di Viterbo ma in passato indicava un territorio assai vasto, coinvolto in diverse vicissitudini storiche.
A noi interessa perché è una delle zone italiane più belle e interessanti dal punto di vista paesaggistico, ma anche da quello archeologico e culturale. Borghi e cittadine medievali in cui il tempo sembra essersi fermato e sono numerosissimi laghi e parchi naturali.
Percorreremo la Tuscia per lungo e per largo, dal Lago di Vico a quello di Bolsena, da Tarquinia a Montefiascone, in un territorio antico che ancora oggi vive pressoché incontaminato ed in cui tutti i sensi vengono appagati.

armani-silos
Sabato 14 Dicembre 2019
MILANO
VISITA AL QUARTIERE TORTONA – ARMANI SILOS

Il quartiere Tortona è una delle zone più interessanti e attive di Milano. Riconosciuto a livello internazionale, è un forte punto di riferimento nel settore del design e della moda. Situato dopo il vecchio ponte di ferro della stazione di Porta Genova, nell’ex quartiere operaio a ridosso della ferrovia, negli anni Novanta ha cambiato pelle.
Le tute blu sono sparite e l’intero quartiere è diventato il crocevia del popolo della moda, dei creativi, dei fotografi e delle agenzie di modelle. Con i suoi 170 indirizzi frequentati da una clientela internazionale, è uno dei principali “Fashion district” della città.

cenacolo_vinciano
MILANO 2019
500 ANNI DALLA MORTE DI LEONARDO DA VINCI

A cinquecento anni dalla morte di Leonardo da Vinci, la città di Milano, si prepara a celebrarlo con un palinsesto di iniziative e mostre lungo nove mesi: da Maggio 2019 a Gennaio 2020. Tutto il palinsesto “Milano e Leonardo” è stato realizzato grazie al comitato scientifico “Milano e l’eredità di Leonardo 1519-2019” che raccoglie oltre al Comune, Regione Lombardia e Mibact anche le altre numerose istituzioni coinvolte nelle celebrazioni. Il palinsesto di Leonardo a Milano è collegato soprattutto all’Ultima cena, conservata nel refettorio di Santa Maria delle Grazie.
Per via della speciale tecnica con la quale è stata prodotto, il dipinto è particolarmente delicato e ogni giorno va incontro a un lento degrado: questo a causa delle polveri sottili che ognuna delle 400.000 persone che possono vedere il dipinto ogni anno porta con sé, rischiando alla lunga di privare il nostro Paese di uno dei suoi capolavori più straordinari. Così, per evitare che questo accada, il Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo ha approvato un grande progetto di restauro che vedrà Eataly come unico protagonista tra le aziende private.

Nuova aria pulita per il Cenacolo
Dal 2019 – data prevista per la fine dei lavori e anno del cinquecentenario della morte di Leonardo da Vinci – ogni giorno saranno immessi circa 10.000 m³ di nuova aria pulita all’interno del refettorio di Santa Maria delle Grazie, che custodisce l’opera, contro i circa 3.500 m³ immessi attualmente. Al progetto, che allungherà di cinque secoli la vita del dipinto permettendo a molte più persone ogni giorno di ammirarlo, hanno collaborato diversi istituti di ricerca (ISCR, CNR, Politecnico di Milano, Università Milano Bicocca); l’iniziativa è coordinata da Arts Council, realtà italiana specializzata nel fundraising per la cultura, e avrà particolare risalto negli Stati Uniti grazie alla collaborazione con IRF –Italian Renaissance Fund.